×

Miti del sonno: veri o falsi?
Miti e credenze comuni sull’insonnia – Parte 1

Il sonno fa parte della nostra vita, ma non tutto quello che viene raccontato a riguardo è vero. È possibile recuperare il sonno perduto? I letti separati fanno male alle relazioni? E come la mettiamo con la luce blu di smartphone e tablet?

Questi sono i miti e le credenze sul sonno più comuni:

Mito 1: Abbiamo bisogno di otto ore di sonno

Ni.
Sentiamo ripetere sempre che gli adulti hanno bisogno di circa otto ore di sonno. Ma non si può generalizzare su questo argomento, perché ognuno ha il suo bisogno individuale di ore di sonno. Alcuni hanno addirittura bisogno di dodici ore, come Einstein, ad altri ne bastano quattro, come a Napoleone. La quantità ottimale è tra le sei e le nove ore.

Mito 2: I letti separati uccidono ogni relazione

No.
I letti separati sono il segnale della fine di una relazione? Niente affatto! Spesso il partner è responsabile di una notte insonne a causa del russare o dei suoi continui movimenti. Letti separati possono salvare un rapporto. È provato che le persone riposate sono più pazienti e persino più amorevoli.

Mito 3: Fare una doccia fredda sveglia

Corretto.
Una doccia fresca aiuta ad affrontare una giornata intensa. Però attenzione, perché una doccia troppo fredda la sera può ritardare l’addormentamento. Una doccia tiepida o ancora meglio, un bagno caldo e rilassante, possono conciliare il sonno.

Mito 4: La luce blu ruba il sonno

Si.
Smartphone & Co. devono stare fuori dalla camera da letto. La ragione principale, dimostrata da numerosi studi, è la luce blu emessa da computer e telefoni cellulari. Questo colore illumina come durante il giorno “imbrogliando” il nostro cervello. La conseguenza è l’insufficiente formazione e rilascio dell’ormone del sonno melatonina, perché la sua sintesi è legata ad un alternarsi ciclico di luce e buio. Il risultato è evidente: gravi disturbi del sonno. Chi proprio non riesce ad andare a letto senza il tablet o il telefono cellulare dovrebbe almeno usare un filtro per la luce blu. Questo filtro colore attualmente è disponibile sul menu di molti modelli di smartphone. Di solito lo si trova nella sezione “Impostazioni”.

Mito 5: Se sei stanco vai a letto

Ni.
Secondo la credenza popolare, chi si sente stanco dovrebbe anche andare a letto presto (“andare a letto presto e svegliarsi presto allungano la vita”). Ma c’è una grande differenza tra “sonnolenza” e “stanchezza”. La sonnolenza è una propensione ad addormentarsi quando c’è un deficit di sonno, una persona che è stanca ha mancanza di energia, quindi è esausta fisicamente o mentalmente. Per questo è molto importante ascoltare il nostro corpo che ci segnala se abbiamo bisogno solo di un po’ di relax o di una bella dormita.

Nessun commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *