Mattinieri o dormiglioni?

Mattinieri o dormiglioni?

Sono i geni a stabilire se siamo mattinieri o nottambuli

Come i gufi sono attivi soprattutto nelle ore serali e notturne, anche coloro che amano dormire fino a tardi e si sentono più in forma verso sera vengono definiti “gufi”. Qualcuno di noi è già vispo la mattina presto mentre qualcun altro ha bisogno di più tempo e magari parecchi caffè per riuscire a “ingranare” la mattina. A determinare se apparteniamo al gruppo dei mattinieri o dei nottambuli, ossia se siamo “allodole” o “gufi” sono soprattutto i nostri geni. Ma oltre a questi, anche l’età gioca un ruolo importante. Mentre da bambini nella maggior parte dei casi ci si alza piuttosto presto, durante la pubertà subentra una tendenza a diventare più dormiglioni per poi tornare nuovamente mattinieri con l’avanzare degli anni.

I normali orari scolastici e di lavoro ignorano tuttavia il nostro orologio interno, ragione per cui, proprio per i gufi, durante i giorni della settimana si crea una permanente carenza di sonno. I ricercatori del Centro di Cronobiologia della Ludwig-Maximilians-Universität (LMU) di Monaco di Baviera parlano di “jet lag sociale”. Si tratta di un fenomeno paragonabile al jet lag tipico dei viaggi quando si attraversano vari fusi orari e può comportare conseguenze negative sulla salute delle persone interessate. Le allodole, ossia i mattinieri, al contrario hanno problemi quando vanno a letto troppo tardi durante i fine settimana, perché la mattina seguente non riescono a recuperare, dormendo più a lungo, le ore di sonno perso.

Tuttavia la maggior parte delle persone non corrisponde esattamente a nessuno dei due estremi. Il loro ritmo sonno/veglia si attesta circa a metà strada tra i mattinieri e i nottambuli, anche se spesso si evidenzia una tendenza ad appartenere più ad un gruppo e meno all’altro.

Autotest: allodola o gufo?

Che tipo sei? Appartieni ai mattinieri o ai nottambuli? Con questo semplice autotest puoi scoprirlo velocemente. Il test è tratto da “Mein Buch vom guten Schlaf” (Il manuale per dormire bene) del ricercatore del sonno dott. Jürgen Zulley:

  1. A che ora vai a letto durante la settimana?
    a. Prima delle 21 (0)
    b. Tra le 21 e le 22 (1)
    c. Tra le 22 e le 23 (2)
    d. Tra le 23 e le 24 (2)
    e. Tra le 24 e l’una (3)
    f. Dopo l’una di notte (4)
  2. Il fine settimana vai a letto decisamente più tardi del solito?
    a. No (0)
    b. Sì (4)
  3. A che ora ti alzi durante la settimana?
    a. Prima delle 6 (0)
    b. Tra le 6 e le 7 (1)
    c. Tra le 7 e le 8 (3)
    d. Tra le 8 e le 9 (4)
    e. Dopo le 9 (4)
  4. Il fine settimana ti alzi decisamente più tardi?
    a. No (0)
    b. Sì (4)
  5. Come ti valuteresti?
    a. Un tipo mattiniero (0)
    b. Più mattiniero che nottambulo (1)
    c. Né uno né l’altro (2)
    d. Più nottambulo che mattiniero (3)
    e. Nottambulo (4)
  6. Quando ti senti maggiormente in forma durante la giornata?
    a. Tra le 6 e le 9 (0)
    b. Tra le 9 e le 12 (2)
    c. Tra le 12 e le 15 (3)
    d. Tra le 15 e le 18 (4)
    e. Tra le 18 e le 21 (4)

0-4 punti: Essendo un tipo mattiniero il periodo migliore per svolgere le tue attività quotidiane è soprattutto l’inizio della giornata e il primo pomeriggio. Infatti, in questi momenti, sei pieno di slancio e di buon umore. Tuttavia all’inizio della serata subentra ben presto una fase di calo d’umore e di prestazioni. Preferisci andare a letto presto e alzarti presto.

5-13 punti: Non sei né un nottambulo né un tipo mattiniero e l’ora del giorno in cui ti svegli o vai a letto non rappresenta un problema. Sia di mattina sia di sera hai uno stato di forma costante e quindi sei molto flessibile per ciò che concerne l’organizzazione della tua giornata; in breve sei un tipo versatile.

14-24 punti: Essendo un nottambulo non hai solo difficoltà ad alzarti al mattino, ma anche ad “ingranare” subito. Comincia a sentirti meglio nel pomeriggio, ma è la sera il momento in cui ti senti veramente in forma. Ti piace andare a letto tardi e dovresti quindi scegliere un lavoro che ti permetta di dormire un po’ più lungo la mattina.

Fonte: Zulley, Jürgen (2005). Mein Buch vom guten Schlaf. Endlich wieder richtig schlafen. Pag. 214-219 (Il mio manuale per dormire bene. Finalmente dormire di nuovo come si deve).

1 Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *