Dormiglioni o mattinieri: tutti svegli presto!

Dormiglioni o mattinieri: tutti svegli presto!

Ogni mattina la stessa storia! Ogni minuto conta, quando si tratta di sonno. Aspettiamo fino all’ultimo minuto ma comunque, quando finalmente ci decidiamo ad alzarci dal letto, sempre troppo tardi, ci sentiamo come storditi e mezzi addormentati. Ci muoviamo come automi e, in qualche modo, alle 8.00 dopo una doccia, pettinati e vestiti, riusciamo ad andare in ufficio o a scuola.

Per i dormiglioni, le cosiddette civette, a differenza delle allodole, i mattinieri, non è facile alzarsi la mattina. Soprattutto quando suona la sveglia in inverno e la mattina è ancora buio. Ma spesso l’orario di lavoro o di scuola non lasciano altra scelta che ignorare l’orologio interno. Tutto questo provoca un debito di sonno e alzarsi la mattina diventa sempre più difficile. I ricercatori del sonno lo chiamano jet lag sociale, vale a dire uno stato che è paragonabile al jet lag di cui soffriamo, per esempio, viaggiando verso paesi con diversi fusi orari. È possibile interrompere questo circolo vizioso e da dormiglioni diventare mattinieri?

Da dormiglioni a mattinieri – è possibile?

Gufo o allodola? Secondo i ricercatori si tratterebbe di una questione genetica- ma nonostante questo è possibile modificare le proprie abitudini di sonno.
Come fa un dormiglione a diventare mattiniero? Mi sono posto questa domanda e ho provato su me stesso alcuni trucchi e consigli:

  1. Alzarsi sempre alla stessa ora- anche durante il fine settimana!!
    È un trucchetto per ingannare l’orologio interno e per abituarci ad un nuovo ritmo sonno-veglia. Con il tempo alzarsi diventerà sempre più facile. Ma bisogna essere molto costanti, almeno questa è stata la mia esperienza. Basta anche solo dormire più a lungo una volta, durante il fine settimana, e saremo di nuovo punto a capo.
  2. Partire al mattino con una colazione rilassante
    La prima colazione, preferibilmente ricca di carboidrati, fornisce al corpo energia e rende più facile iniziare la giornata. Questa è la teoria. Ma, proprio i dormiglioni, spesso la mattina presto, non riescono ad ingoiare nemmeno un boccone.
    Vale anche per me. Questo suggerimento potrebbe anche funzionare ma personalmente lo trovo di difficile attuazione.
  3. Lo sport di mattina
    Lo sport praticato la mattina attiva la circolazione e aiuta il risveglio. Se non ci fosse la nostra vocina interna! Io, la mattina, più di un po’ di stretching o di allungamenti non riesco a fare. Probabilmente anche per questo sono un dormiglione.
  4. Risvegliarsi con la luce
    La luce inibisce la produzione dell’ormone del sonno melatonina e aiuta a svegliarsi. Per me questo è logico- in estate, di solito, mi sveglio più facilmente che in inverno. Mi sono comperato anche una cosiddetta sveglia a luce graduale. Prima di suonare, la sveglia simula lentamente l’alzarsi del sole e la luce aumenta gradualmente. Anche i toni della sveglia sono molto piacevoli: suoni della natura, come il cinguettio degli uccelli o il rumore del mare, ma sono disponibili anche toni dolci o la radiosveglia. E funziona! Almeno nel mio caso. La luce mi aiuta ad essere più sveglio al mattino.

Conclusione: questi trucchi e consigli non ci trasformeranno da gufi ad allodole ma possono almeno aiutarci ad iniziare la giornata in modo più facile!

Se volete scoprire se siete un gufo o un allodola fate il test: Mattinieri o dormiglioni?

Nessun commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *